Sintesi da presentazion dal tradutôr

(test dis notis scritis di Maria Moreale intant de presentazion)

Parcè la Divine Comedie par furlan?
Lis domandis che mi vegnin fatis di chei che a àn let qualchi toc de traduzion par furlan de Divine Comedie a puedin strenzisi intune sole: "Cemût ti ise vignude la idee di meti mans a une opare che e je considerade la ponte plui alte de poesie mondiâl, e cun ce imprescj âstu podût lâ indenant?"

Il tradutôr e il letôr
"Solo un poeta può tradurre un poeta" al scriveve Leopardi. Jo no mi riten poete, ni tradutôr tal sens tecnic de peraule: mi consideri semplicementri letôr. Par me lei alc che mi plâs al vûl dî imparâ a memorie, opûr voltâ di une lenghe ta chê altre, cirint di rispietâ ogni particolâr dal test, cul proposit di mantignî intate la armonie dal origjinâl e cence altri fin se no chel di sodisfâ une esigjence dal dut personâl di cognossi. Inte poesie mi à simpri interessât soredut la metriche, che o pues dî di vêle imparade tal mût che si impare la marilenghe: prime si le fevele e po dopo si va a viodi cemût che e funzione.

Savôr di Omêr e savôr di Dante.
Leopardi al à vût let i classics te maniere che cun tant plui misars struments inteletuâi ju ai lets jo; e tal lei Omêr a cuindis agns al à vut scrit: "Basta togliere a un verso di Omero le parole che sembrano di niun rilievo per privarlo di tutto il sapore omerico e renderlo come un ramo senza foglie". Cuant che mi soi metût a voltâ par furlan la Comedie o ai tignût fer chest principi: bisugne evitâ di privâ il viers di Dante dal "savôr dantesc" in mût di no rindilu un ramaç cence fueis. Ogni acent, ogni rime, ogni intervent al veve di rispuindi  a la domande: cemût fasaressial Dante ta cheste situazion?

Dante e il furlan
Ducj o savin ce che Dante al pensave dal Furlan. In chel di Aquilee e di Istrie a vivin chei che "Ces fas tu? crudeliter accentuando eructuant". Nol dîs "eructant", ma "eructuant", peraule che e conferìs ancjemò plui fuarce al verp: "eructuare saniem" al vûl dî "gomitâ sanc". Tante violence verbâl si spieghe dome cul fat che no esisteve une leterature par furlan, come chê francese o che provençâl tant preseadis di Dante, e se no esisteve une leterature furlane, par Dante no esisteve une cussience linguistiche furlane, che e varès podût produsi la grande poesie.

Pasolini e il furlan.
La grande poesie e je rivade in Friûl cun Pier Paolo Pasolini, ma e à durât mancul di un lamp, il timp di dimostrâ che il furlan al è "armonie assolude", tant che la musiche assolude di J. S. Bach, e il timp di lassâ uns cuatri poesiis talmentri profondis, che, dopo, la leterature furlane no sarà plui chê di prime. (Leture de poesie "Li cjampanis dal Gloria"). Purtrop "i mal protesi nervi" (al varès dit Dante) a àn puartât Pasolini lontan dal Friûl, e lontan dal Friûl Pasolini al à fate la straordenarie cariere artistiche che o savìn. Al è tornât in Friûl dome dopo muart, a polsâ dongje di sô mari. Fossial restât in Friûl, cumò o varessin il nestri Dante.

La sfide a Dante.
E cjape forme cussì la sfide a Dante. Se si ricognòs al furlan la armonie assolude dimostrade di Pasolini, alore, Dante cul tradutôr al podeve tornâ a scrivi dute la Comedie par furlan. Al restave dome un probleme: cuâl furlan? Stant  che lenghe e grafie dal furlan a jerin un pôc masse balarinis e i esperts no rivavin a metisi dacuardi, i prins tentatîfs di traduzion a cjapavin a model mo il furlan dai documents plui antîcs, mo chel di Ermis di Colorêt, che mi pareve plui dongje dal furlan dal gno Roiâl. La traduzion sistematiche si è inviade cu la jessude dal prin sopuart multimediâl dal Grant Dizionari Bilengâl. Finalmentri o vevi une lenghe avonde coerente te struture, tal lessic e te ortografie. Dante però no si contentave di une lenghe cussì: al veve bisugne di slargjâsi al furlan di ogni cjanton dal Friûl e di ogni epoche de storie furlane, operazion che al veve fate ancje cul so toscan. O ai vude la sensazion che il furlan i plasès une vore, parcè che i furnive “rime aspre e chiocce” che al toscan i mancjavin, e che al veve la elegance e la armonie che i permetevin di tratâ i argoments plui alts.

Tecnichis di traduzion 
Par Dante l'endecasilabi al è l'element fondant de musicalitât de sô poesie, al devente il respîr naturâl de sô anime. Al diven dai metris plui doprâts dai poetis antîcs: il trimetri jambic, l'esametri e il pentametri. L'endecasilabi nol è une invenzion di Dante: si lu cjate tes leteraturis europeanis plui svilupadis te ete di mieç. Il Poete lu dopre in combinazions di ritmis diferents che a dan aes peraulis espression e colôr par rivâ a filtrâ emozions e ideis in maniere complete e armoniose.
Inte prime tiercine de Comedie Dante al vûl dâ al letôr la clâf musicâl di dute la sô opare, e insiemi al vûl dâ une cerce dai trê stii:
  1. il stîl lizêr de descrizion e de narazion (Nel mezzo del cammin di nostra vita); 
  2. il stîl di mieç o elegjac, des sensazions e des emozions (Mi ritrovai per una selva oscura); 
  3. il stîl elevât o epic, de sience e de cussience (Ché la diritta via era smarrita). 
Al è come se Dante al volès dînus cun elegance formâl che al vûl contânus alc che al rivuarde lui come protagonist de storie, ma che al rivuarde ancje ducj nô, che al vûl contânus alc di emozionant e di maraveôs, e che al vûl contânusal cu la finalitât di dânus un alt insegnament.

La relazion si siere cun cualchi osservazion sui neologjisims, sui arcaisims, sui latinisims, sui tiermins forescj doprâts di Dante, e su la friulanizazion dai toponims e dai nons di personis inte traduzion par furlan.